Cosa bisogna sapere sulla normativa antincendio?

antincendio

La normativa antincendio rappresenta, in alcune circostanze, un argomento abbastanza complesso che, però, deve essere necessariamente conosciuto da parte degli imprenditori affinché sia possibile evitare che possano esserci complicanze di svariato genere.

Un primo aspetto che bisogna sapere della normativa riguarda il fatto che la stessa prevede che, all’interno dell’impresa, sia presente un livello di rischio conosciuto da parte dei dipendenti che operano per la stessa.
Questo significa che il titolare dell’impresa, periodicamente, deve far svolgere delle analisi da parte di figure esperte le quali hanno un compito ben preciso, ovvero compilare una documentazione grazie alla quale è possibile capire quali siano i fattori di rischio incendio e soprattutto che possano essere adottate delle modifiche atte a prevenire appunto la propagazione dello stesso incendio.
Il documento serve quindi da monito per il titolare dell’impresa che deve necessariamente tutelare i lavoratori che operano presso la sua impresa.

Proprio su questo aspetto si focalizza una parte della normativa antincendio aziendale: ogni ditta, indipendentemente dal settore e classificazione di rischio, deve essere munita di strumenti atti a evitare che l’incendio, qualora si dovesse palesare, possa avere delle ripercussioni devastanti sia sui dipendenti che sugli stessi beni aziendali.
Estintori, sistemi di allarme con tanto di chiamata immediata alla centrale dei vigili del fuoco, spruzzatori da installare nel soffitto e che erogano l’acqua non appena viene segnalata la presenza di fiamme e fumo in quantità tali da attivare gli stessi spruzzatori sono alcuni degli strumenti che sono richiesti all’interno delle ditte.

Inoltre ogni azienda che si rispetti e che vuole mantenere il luogo di lavoro sicuro al massimo deve necessariamente avere un addetto responsabile della prevenzione degli incendi.
Questa figura, interna all’azienda e selezionata in base a dei criteri di integrità e professionalità imposti dallo stesso titolare aziendale, deve essere in grado di analizzare, in modo altamente professionale, i diversi apparecchi e strumenti aziendali e valutare se la probabilità di incendio è incrementata oppure se questa è stata drasticamente ridotta.

Queste mansioni, con tanto di documentazione che deve essere poi consegnata al titolare aziendale, permetterà allo stesso di conoscere quali sono i fattori di rischio presenti all’interno di quella determinata impresa.

Il responsabile deve ovviamente essere sempre aggiornato e per tale motivo i corsi di aggiornamento, che hanno l’obiettivo di illustrare le novità sulla normativa antincendio, metodi di analisi e compilazione della documentazione, sono gli argomenti che verranno trattati durante il percorso formativo al quale deve sottoporsi questa figura professionale.

Di conseguenza queste sono le diverse informazioni che devono essere conosciute in merito alla normativa antincendio e inoltre, grazie all’impresa Saltech specializzata in certificazione antincendio, sarà possibile non solo conoscere il fattore rischio aziendale, ma anche far partecipare l’addetto antincendio selezionato a corsi di formazione continuativa oppure contattare un professionista esterno che svolgerà le mansioni che gli competono e analizzare quali siano appunto gli elementi di rischio presenti all’interno di quell’impresa.